Seguici sui Social

Nel blu dipinto di… Chrome

Nel blu dipinto di… Chrome

Nel blu dipinto di… Chrome

Siete mai capitati ad uno spettacolo, in cui gli spettatori, per salutare gli attori o travolti dall'emozione di una canzone, accendono gli schermi dei propri cellulari, trasformando il pubblico in un mare di stelle? E se lo stesso mezzo fosse utilizzato per creare, invece, una scultura? Bene, questa è stata l'idea che ha unito gli artisti Janet Echelman, per la scultura, e Aaron Koblin, Direttore Creativo del Data Arts Team, nel Creative Lab di Google, per l'installazione interattiva.

L'idea di Unnumbered Sparks a Vancouver

Per il 30° anniversario della TED Conference, i due artisti hanno collaborato per realizzare una scultura aerea, lunga 227 metri, tra due palazzi di Vancouver, in Canada, dal 15 al 22 Marzo 2014.

Non è però la dimensione l'elemento più notevole di quest'opera, bensì i diversi modi in cui si presenta, a seconda del momento della giornata. Di giorno, infatti, i più di 233km di fibra ottica diventano un tutt'uno con il cielo.

Di notte, invece, si svela il nome dell'installazione: Skies painted with unnumbered sparks, "Cieli dipinti con innumerevoli scintille", prodotte dall'interazione tra la fibra intrecciata e i movimenti eseguiti dai passanti sui propri cellulari. E un piccolo movimento si traduce in una scia luminosa su questa immensa tela sospesa a mezz'aria.

Ma com'è possibile tutto ciò?

Le ultime tecnologie web per un'opera d'arte interattiva

Aaron Koblin ha fatto di questa tela una finestra di Google Chrome di più di 10 milioni di pixel e a realizzarne l'interattività sono state alcune delle più recenti tecnologie web, in grado di stabilire la connessione con la scultura, la rapida riproduzione dei movimenti su di essa e la diffusione di suoni sul dispositivo mobile. Ancora una volta, quindi, arte e tecnologia non sono, in fondo, poi tanto distanti.

Come rivela Janet Echelman stessa, infatti, "i cieli sono dipinti con innumerevoli scintille" è una citazione dal Giulio Cesare di Shakespeare, con cui il dittatore si riferisce a tutti gli uomini. Che diventano, quindi, protagonisti dell'opera perché, spiega la Echelman, "ognuno di noi è una di quelle stelle - quelle scintille -, ed è capace di dipingere i cieli".

Foto: © Ema Peter per Studio Echelman

Altre foto

Unnumbered sparks